Corso di Pittura Iconografica

L’icona si può considerare un castello di meditazione, un cerchio magico, un mezzo potente sul quale fissare lo sguardo fisico e l’occhio della mente per isolarsi dal mondo profano ed entrare nel mondo sacro.” (Tommaso Palamidessi)

A partire da martedì 17 Ottobre si terrà a Palazzo Pfanner, un Corso di Pittura Iconografica di 1° livello.

Ogni partecipante dipingerà un’icona su tavola di legno seguendo i canoni dell’arte sacra e scoprendo, passo dopo passo, le regole di un’antica tradizione. Icona è il termine usato dalla chiesa orientale per indicare la pittura su tavola che rappresenta soggetti sacri, ed è uno strumento prezioso che aiuta l’ascesi personale grazie ai suoi colori simbolici e canoni pittorici.

Durante le lezioni saranno trattati i temi relativi alla storia dell’iconografia, al simbolismo tradizionale dei colori e delle proporzioni geometriche per comprendere pienamente il senso di questa arte della bellezza che i monaci-pittori ci hanno trasmesso a scopo di elevazione spirituale.

Il corso è rivolto anche a coloro che non hanno nessuna esperienza pittorica infatti, nel primo livello, i partecipanti verranno introdotti alla conoscenza della tecnica pittorica iconografica, sviluppabile in corsi successivi.

Tutti i materiali (tavola, pigmenti, pennelli, ecc.) saranno forniti dal laboratorio e il dipinto finito resterà all’autore.

Il Corso teorico-pratico è a numero chiuso, è strutturato in 18 lezioni che si terranno due volte a settimana il Martedì e il Giovedì dalle 18 alle 20 a partire dal 17 Ottobre per la durata di circa 2 mesi.

PRESENTAZIONE CORSO: Martedì 10 Ottobre ore 21,15 – Palazzo Pfanner, Via degli Asili 33, Lucca.

INFO & ISCRIZIONI: Sabrina 329 2282322 – sezione.lucca@gmail.com

CORSO-ICONOGRAFIA-2017-Locandina

Annunci

CORSO DI ERBORISTERIA

Il corso in 6 lezioni si tiene il Giovedì alle ore 21 a partire dal 21 settembre. Ogni lezione prevede il riconoscimento, l’apprendimento delle proprietà, il corretto utilizzo e la preparazione delle Erbe Medicinali.

Sarà allestito un piccolo laboratorio per la preparazione di tinture, sciroppi, oleoliti, vini medicinali ecc, rimedi utili non soltanto per la cura delle malattie ma anche per la nostra bellezza. Sarà inoltre affrontato lo studio del corretto dosaggio delle cure, dell’utilizzo delle sinergie fitoterapiche e dei tempi migliori per l’applicazione dei medicamenti.

L’interesse per la fitoterapia non accenna a diminuire negli ultimi anni, anzi si può dire il contrario. Nel mondo occidentale l’utilizzo di cure erboristiche è in costante aumento. Nel lontano Giappone, cresce ad un ritmo del 30% annuo. La fitoterapia, ovvero “la cura e la prevenzione mediante la somministrazione di farmaci vegetali”, secondo la definizione dell’OMS, è ormai passata quindi, dalla tradizione alla più avanzata ricerca scientifica. Tutt’oggi infatti, più del 40% dei farmaci appartenenti alla medicina definita tradizionale sono di derivazione vegetale. Qualche esempio: farmaci antitumorali (vincristina, vinblastina, irinotecan e topotecan, etoposide e teniposide, tassoli), cardiostimolanti (digitale), anestetici locali (procainamide), antiaritmici (chinidina), miotici e antiglaucoma (atropina, pilocarpina), bloccanti neuromuscolari (tubocurarina, vecuronio) e anticoagulanti orali (warfarin, acenocumarolo), si basano su molecole e composti di immediata derivazione fitoterapica. L’interesse per i fitoterapici cresce sempre di più anche per il fatto che questi prodotti sono dotati di alcune interessanti proprietà, prima tra tutte l’azione polivalente delle droghe e delle preparazioni vegetali, ovvero la capacità di possedere una molteplicità di effetti nettamente diversi fra loro e che compaiono a dosaggi diversi.

Ecco quindi la necessità di avvicinarsi al mondo della fitoterapia in modo semplice e sicuro, imparando ad utilizzare piante della nostra flora mediterranea, ricca di tradizioni erboristiche antiche di millenni, nel giusto dosaggio ed attraverso corretti metodi di estrazione dei fitocomplessi. Argomenti questi che saranno trattati durante il corso.

Programma:

  • Presentazione del corso – Le piante antistress – Il laboratorio erboristico ed alcune preparazioni tradizionali contro stress e stanchezza
  • Le piante pettorali e la tradizione degli sciroppi – i dosaggi nelle cure erboristiche
  • La pratica della depurazione per il mantenimento della buona salute – le tinture officinali – l’influenza delle fasi lunari nella pratica erboristica
  • Piante e vini per la buona digestione – le polveri, un pratico metodo per l’utilizzo dei semplici
  • Buon sangue non mente: le piante per il benessere dell’apparato cardiocircolatorio e la depurazione del sangue – l’associabilità delle piante medicinali
  • L’inverno e il benessere di pelle ed articolazioni – Prevenzione dell’osteoporosi e preparazione di un liquore tradizionale e unguenti per la cura della pelle.

INIZIO CORSO: Giovedì 21 Settembre ore 21, Palazzo Pfanner, Via degli Asili 33, Lucca

INFO&ISCRIZIONI: Fabio 3288375214 – sezione.lucca@gmail.com

CORSO-ERBORISTERIA-Set-2017fb

CORSO di RADIESTESIA

La parola Radiestesia esprime una personale sensibilità psichica alle radiazioni, onde, vibrazioni, emesse da ogni oggetto, essere vivente o materia.

Il  Radiestesista è perciò la persona che per attitudine o allenamento è dotata di questa meravigliosa sensibilità che lo rende capace di mettersi volontariamente in risonanza con le fonti emittenti radiazioni e decifrare con chiarezza le informazioni ricevute.

Questo particolare fenomeno radiestesico era già noto ed utilizzato dagli antichi sapienti Cinesi, Egiziani, Romani e di altre importanti culture che avevano scoperto come sfruttare questo metodo per mettersi in comunicazione con l’ignoto.

La sensibilità radiestesica è già presente in ogni uomo ed in ogni donna, ma spesso allo stato latente, e come tale può essere estratta e disciplinata attraverso una tecnica ed un particolare strumento rivelatore, comunemente chiamato pendolo.

Chi di noi non ha mai provato o almeno sentito dire che per mezzo di un ciondolino, di un piccolo oggetto appeso ad un filo sottile o ad una catenella, tenuto fra le dita e messo in condizione di oscillare liberamente, si possono ottenere risposte alle domande che ci interessano?

Forse la più famosa e tradizionale ricerca è quella dell’acqua nel sottosuolo, che può essere svolta direttamente sulla località indiziata, oppure anche da  lontano ispezionando con le oscillazioni rivelatrici di un pendolo su una carta geografica dei luoghi che interessano.
Allo stesso modo possiamo scoprire un oggetto nascosto o perduto, fare una rapida analisi chimica di una sostanza qualsiasi, confrontare una diagnosi, verificare il medicamento più adatto, testare un prodotto per vedere se siamo allergici… ottenendo sempre dei riscontri che hanno veramente del sorprendente!

Ma tutta questa meraviglia utilizzando solamente un pendolo?! Abituati come siamo ai sofisticati mezzi e strumenti di ricerca e allineati alle conoscenze scientifiche ufficiali, potreste sospettare che si tratti di un gioco di prestigio, e autosuggestione.

In realtà la pratica della Radiestesia, eseguita con serietà, consapevolezza e metodo, non è un gioco da tavolo, ma  un avvincente e utilissimo mezzo d’indagine applicabile praticamente a tutto. Le esplorazioni che possiamo fare non hanno confini, se non quelli che mettiamo noi se limitiamo la capacità di concepire l’impossibile o non abbiamo abbastanza fiducia in noi stessi… e soprattutto se la nostra conoscenza dell’argomento e del metodo è scarsa e superficiale.
Ma quando si parla di Radiestesia non è tanto questione di credere o non credere, perché tutto si risolve con l’esperimento. I dubbi si dissolvono provando e riprovando!

In virtù di questo, il CORSO proposto dalla nostra Scuola darà le essenziali basi teoriche di questa disciplina, ma soprattutto le sicure metodologie pratiche indirizzate a svolgere qualsiasi esperimento ordinario e straordinario.  Le lezioni accompagneranno lo sperimentatore ad acquisire le regole e padroneggiare gli strumenti della ricerca radiestesica, permettendogli così di mettersi personalmente in contatto con il mondo che lo circonda e lo compenetra in un modo del tutto particolare.

Educando e sviluppando profondamente certe sensibilità che sono latenti nell’uomo e nella donna, cioè facoltà della mente quali l’astrazione, l’attenzione, la concentrazione, la volontà, l’intuizione, che generalmente pensiamo di adoperare ma che in realtà sfioriamo appena nelle loro reali potenzialità, questa antica arte radiestesica consente l’accesso immediato a fonti di informazione che normalmente non percepiamo, mettendoci così in comunicazione diretta con tutto quello che vogliamo seriamente indagare, studiare e conoscere, ottenendo precise risposte a chiare e lecite domande!

Sembrano favole, ma quando seguirete gli allenamenti proposti dall’Associazione Archeosofica, vi renderete conto della immediata possibilità di applicazione.
I procedimenti sono molto semplici e veramente alla portata di tutti gli appassionati di questa materia.

Agli iscritti sarà fornito un esclusivo Kit personale per la sperimentazione.

Kit Radiestesia 03.JPG

INIZIO CORSO: Martedì 9 Maggio, ore 21.
Il corso si svolge di Martedì alle 21 ed ha un numero limitato di partecipanti in modo da consentire a tutti una corretta sperimentazione.

INFO&ISCRIZIONI: Fabio 3288375214 – sezione.lucca@gmail.com
CORSO-DI-RADIESTESIA-Maggio-2017

CORSO DI MEDITAZIONE

La meditazione, cioè l’attenzione prolungata modifica, trasforma l’intima essenza di noi in base al principio: « quel che un uomo pensa diviene ».
Cos’è la meditazione? La risposta è semplice: la concentrazione prolungata diventa meditazione. In altri termini, la meditazione è lo sviluppo della concentrazione. La meditazione è un flusso continuo del pensiero verso un organo fisico, un centro di forza, un simbolo, Dio. Dipende da quale soggetto di meditazione sia stato scelto, e il risultato che si vuole ottenere.

Il Corso di Meditazione è strutturato con la finalità di far acquisire ai partecipanti le caratteristiche minime fondamentali per eseguire una buona e corretta meditazione sul Simbolo.
Ogni idea che nasce nella nostra mente non è mai priva di forma, consistenza geometrica, immagine. Noi siamo obbligati dal meccanismo neuro-psichico a pensare ed esprimere ciò che pensiamo, con dei simboli.
Tutto quanto circonda l’uomo è una costellazione di simboli, nessuno può pensare, parlare, scrivere o leggere se non usa dei simboli, le lettere dell’alfabeto ed i numeri con i quali esprimiamo la nostra lingua ed i calcoli matematici sono dei simboli.
La scienza dei simboli si fonda sulle corrispondenze che esistono fra i diversi ordini di realtà: la naturale e la soprannaturale. Questa analogia poggia su quella che collega il microcosmo al macrocosmo.

La sostanza mentale ha la capacità di mutare vibrazione. Se uno concentra la mente su un determinato obiettivo, pian piano si modella su quell’obiettivo, vi assomiglia. La mente ha la capacità di assimilare, di diventare un tutt’uno con l’oggetto della meditazione.
La meditazione riesce quando c’è immersione totale, quando non si distingue più il meditante dall’oggetto meditato.
Il simbolo dopo averlo contemplato a lungo, mette in contatto con il suo significato segreto. La conferma che questo connubio è avvenuto si ha nel veder sorgere attitudini, qualità e Sapienza in noi proprie di quel simbolo che prima non c’erano.

L’obiettivo del corso è di permettere ai partecipanti di procedere gradualmente con gli esercizi nei 3 mesi di durata nelle fasi di Astrazione, Concentrazione, Attenzione,Visualizzazione dell’oggetto e ragionamento logico-fulmineo su di esso, estensione dei concetti passando dallo specifico al generale (Meditazione I fase), tendere verso ciò che si trova dietro alla forma (Meditazione II fase), trasferirsi dalla forma alla vita stessa identificandosi all’idea acquisendone attributi e qualità. (Meditazione III fase)

PRESENTAZIONE CORSO: Lunedì 20 Marzo ore 21,15 a Palazzo Pfanner in via degli Asili 33

INIZIO CORSO: Mercoledì 22 Marzo ore 18,30 a Palazzo Pfanner in via degli Asili 33

INFO & ISCRIZIONI: Fabio 3288375214 – sezione.lucca@gmail.com

corso-meditazione-2015-fb

CORSO DI PITTURA ICONOGRAFICA

A partire da martedì 14 Marzo si terrà a Palazzo Pfanner, un Corso di Pittura Iconografica di 1° livello.

Ogni partecipante dipingerà un’icona su tavola di legno seguendo i canoni dell’arte sacra e scoprendo, passo dopo passo, le regole di un’antica tradizione. Icona è il termine usato dalla chiesa orientale per indicare la pittura su tavola che rappresenta soggetti sacri, ed è uno strumento prezioso che aiuta l’ascesi personale grazie ai suoi colori simbolici e canoni pittorici.

Durante le lezioni saranno trattati i temi relativi alla storia dell’iconografia, al simbolismo tradizionale dei colori e delle proporzioni geometriche per comprendere pienamente il senso di questa arte della bellezza che i monaci-pittori ci hanno trasmesso a scopo di elevazione spirituale. Verranno spiegate le fasi della preparazione, che dalla tavola di legno grezzo portano alla realizzazione finale dell’icona.

Il corso è rivolto anche a coloro che non hanno nessuna esperienza pittorica infatti, nel primo livello, i partecipanti verranno introdotti alla conoscenza della tecnica pittorica iconografica, sviluppabile in corsi successivi.

Tutti i materiali (tavola, pigmenti, pennelli, ecc.) saranno forniti dal laboratorio e il dipinto finito resterà all’autore.

Il Corso, a numero chiuso, è strutturato in 10 lezioni e si terrà il Martedì dalle 18 alle 20 a partire dal 14 Marzo.

Info ed iscrizioni: Sabrina 329 2282322 – sezione.lucca@gmail.com

corso-iconografia-2016-locandina

CORSO di RADIESTESIA

La parola Radiestesia esprime una personale sensibilità psichica alle radiazioni, onde, vibrazioni, emesse da ogni oggetto, essere vivente o materia.

Il  Radiestesista è perciò la persona che per attitudine o allenamento è dotata di questa meravigliosa sensibilità che lo rende capace di mettersi volontariamente in risonanza con le fonti emittenti radiazioni e decifrare con chiarezza le informazioni ricevute.

Questo particolare fenomeno radiestesico era già noto ed utilizzato dagli antichi sapienti Cinesi, Egiziani, Romani e di altre importanti culture che avevano scoperto come sfruttare questo metodo per mettersi in comunicazione con l’ignoto.

La sensibilità radiestesica è già presente in ogni uomo ed in ogni donna, ma spesso allo stato latente, e come tale può essere estratta e disciplinata attraverso una tecnica ed un particolare strumento rivelatore, comunemente chiamato pendolo.

Chi di noi non ha mai provato o almeno sentito dire che per mezzo di un ciondolino, di un piccolo oggetto appeso ad un filo sottile o ad una catenella, tenuto fra le dita e messo in condizione di oscillare liberamente, si possono ottenere risposte alle domande che ci interessano?

Forse la più famosa e tradizionale ricerca è quella dell’acqua nel sottosuolo, che può essere svolta direttamente sulla località indiziata, oppure anche da  lontano ispezionando con le oscillazioni rivelatrici di un pendolo su una carta geografica dei luoghi che interessano.
Allo stesso modo possiamo scoprire un oggetto nascosto o perduto, fare una rapida analisi chimica di una sostanza qualsiasi, confrontare una diagnosi, verificare il medicamento più adatto, testare un prodotto per vedere se siamo allergici… ottenendo sempre dei riscontri che hanno veramente del sorprendente!

Ma tutta questa meraviglia utilizzando solamente un pendolo?! Abituati come siamo ai sofisticati mezzi e strumenti di ricerca e allineati alle conoscenze scientifiche ufficiali, potreste sospettare che si tratti di un gioco di prestigio, e autosuggestione.

In realtà la pratica della Radiestesia, eseguita con serietà, consapevolezza e metodo, non è un gioco da tavolo, ma  un avvincente e utilissimo mezzo d’indagine applicabile praticamente a tutto. Le esplorazioni che possiamo fare non hanno confini, se non quelli che mettiamo noi se limitiamo la capacità di concepire l’impossibile o non abbiamo abbastanza fiducia in noi stessi… e soprattutto se la nostra conoscenza dell’argomento e del metodo è scarsa e superficiale.
Ma quando si parla di Radiestesia non è tanto questione di credere o non credere, perché tutto si risolve con l’esperimento. I dubbi si dissolvono provando e riprovando!

In virtù di questo, il CORSO proposto dalla nostra Scuola darà le essenziali basi teoriche di questa disciplina, ma soprattutto le sicure metodologie pratiche indirizzate a svolgere qualsiasi esperimento ordinario e straordinario.  Le lezioni accompagneranno lo sperimentatore ad acquisire le regole e padroneggiare gli strumenti della ricerca radiestesica, permettendogli così di mettersi personalmente in contatto con il mondo che lo circonda e lo compenetra in un modo del tutto particolare.

Educando e sviluppando profondamente certe sensibilità che sono latenti nell’uomo e nella donna, cioè facoltà della mente quali l’astrazione, l’attenzione, la concentrazione, la volontà, l’intuizione, che generalmente pensiamo di adoperare ma che in realtà sfioriamo appena nelle loro reali potenzialità, questa antica arte radiestesica consente l’accesso immediato a fonti di informazione che normalmente non percepiamo, mettendoci così in comunicazione diretta con tutto quello che vogliamo seriamente indagare, studiare e conoscere, ottenendo precise risposte a chiare e lecite domande!

Sembrano favole, ma quando seguirete gli allenamenti proposti dall’Associazione Archeosofica, vi renderete conto della immediata possibilità di applicazione.
I procedimenti sono molto semplici e veramente alla portata di tutti gli appassionati di questa materia.

Il corso sarà introdotto da una conferenza  gratuita e dimostrativa, dove saranno spiegati con degli esempi pratici i principi e la tecnica operativa di questa meravigliosa scienza, e dove potrete ricevere tutte le informazioni e le risposte che desiderate.

CONFERENZA DI PRESENTAZIONE:
Sabato 25 Febbraio, ore 17
& Martedì 28 Febbraio, ore 21.15

INIZIO CORSO: Martedì 7 Marzo, ore 21.
Il corso si svolge di Martedì alle 21 ed ha un numero limitato di partecipanti in modo da consentire a tutti una corretta sperimentazione.

INFO&ISCRIZIONI: Fabio 3288375214 – sezione.lucca@gmail.com
corso-di-radiestesia-2017webkit-radiestesia-03kit-radiestesia-01

 

CORSO DI MEDITAZIONE 2° livello

Mercoledì 22 Febbraio ore 21 comincia il CORSO DI MEDITAZIONE 2° LIVELLO riservato ESCLUSIVAMENTE a chi ha già frequentato il Corso di Avviamento alla Meditazione.

Secondo la tradizione indiana e dell’Asia minore, esiste un occhio spirituale detto Centro frontale, localizzabile tra i due occhi fisici, alla radice del naso. Per gli indiani si chiama “Ajna Chakra”.
Questo importantissimo Centro è il punto di partenza delle operazioni volitivee del comando per influenzare gli altri Centri e per concentrare la mente; è il centro della consapevolezza e delle facoltà mentali, presiede all’intuizione e alla visione intellettiva.
A cose normali non abbiamo padronanza della mente che va dietro ad ogni minima sollecitazione sensoriale oltre all’essere soggetta alla legge di associazione dei pensieri.
Quindi per unificare la mente intorno a un tema e distoglierla dagli altri pensieri è necessario uno sforzo di volontaria concentrazione in questo Centro.
Sviluppare il Centro frontale è importante perché è la base d’appoggio, per tutti gli esercizi di meditazione.
Oltre alla pratica chiariremo i concetti fondamentali per dare il minimum teorico per poter operare in modo corretto una meditazione sui Centri di forza secondo la tradizione occidentale.
Seguiremo il libro di testo di Tommaso Palamidessi: ”Tecniche di Risveglio Iniziatico” unitamente ad alcuni quaderni della collana Archeosofica per apprendere cosa siano i Centri di forza, quali siano le caratteristiche, quali i metodi di risveglio e successivamente di sviluppo.
 
INFO: Fabio 3288375214 – sezione.lucca@gmail.com
meditazione-2-livello-2017